Danilo Dan Carnovale

Posted on by
#ShareThisPassion #CondividiQuestaPassione | 4UB.itShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Batterista precoce, all’età di soli quattro anni ha la fortuna di cominciare a suonare su una batteria vera (quella del padre).

Fin da piccolo passava ore ed ore sullo strumento, divertendosi ad accompagnare qualsiasi brano passasse in radio.

I suoi genitori, fieri di tanta passione e dedizione, decisero di fargli prendere le prime lezioni di batteria e così ad 11 anni iniziò il suo percorso di studi presso l’Associazione musicale “Bequadro” sotto la guida del Maestro Carlo Caligiuri. 

All’età di 12 anni riceve dai genitori la sua prima batteria professionale e quella fu per lui un’emozione grandissima ed un sogno che si realizzava. Finalmente aveva uno strumento tutto suo sul quale sperimentare nuovi suoni, accordature e timbriche! 

Fin da giovanissimo dedica molto tempo all’ascolto di diversi generi musicali, dimostrando la propria preferenza verso il Funk, la Fusion ed il Rock.

A 13 anni entra a far parte della prima band e si esibisce per la prima volta  in pubblico proponendo un repertorio Pop/Rock . Ricorda ancora l’emozione di quel   concerto e la soddisfazione nel poter regalare gioia e divertimento al pubblico. Da quel giorno decide di non voler più smettere ed anzi, di voler migliorare sempre di più la propria tecnica sullo strumento.

Nel corso degli anni si susseguono numerose esperienze dal vivo con svariate formazioni e diversi artisti, tra cui Aida Cooper. Viene inoltre selezionato per far parte del gruppo spalla ai comici della “Compagnia del Bagaglino” noti per le loro esibizioni su Canale 5, al fine di diffondere nelle piazze italiane uno spettacolo fresco e divertente in cui si alternava musica, danza e comicità. 

Inizia intanto la ricerca di un proprio drumming. Concentra tutti i suoi sforzi nell’acquisire un suono pulito e musicale, avendo cura di non sovrastare mai gli altri elementi della Band.

Nel frattempo approfondisce lo studio di diversi stili musicali che spaziano dal rock al blues, dal funk al soul, dal jazz alla bossanova, anche grazie alla collaborazione con diversi musicisti. 

Il 2002 segna la sua prima esperienza in studio, anno in cui registra nell’album fusion del Maestro Vittorio Accorinti.

Nel 2015 continua gli studi ed il perfezionamento dello strumento a Milano con il maestro Max Furiann e contemporaneamente si alterna in progetti musicali disparati (R&B, Reggae, Acid jazz, Latin, Fusion, rock, blues).

Nel 2016 partecipa alla realizzazione dell’album funk di Maurizio Maniglia.

Nello stesso anno entra a far parte della band “Freesoul”, con un repertorio tipicamente Black e Hip-hop. 

Nel 2018 suona insieme  alla Tribute band “Effetto Modà” ed ha il piacere di esibirsi sul palco insieme a Diego Arrigoni (chitarrista dei Modà).

Negli anni Danilo ascolta centinaia di dischi, tutti di generi diversi, tuttavia rimane molto colpito da una Band dal sound reso unico dai suoi singoli elementi, stiamo parlando degli U2! 

La voce intensa potente e graffiante di Bono Vox, i suggestivi colpi di chitarra di The Edge, le linee di basso moderne ed  efficaci di Adam Clayton, il drumming potente e coinvolgente di Larry Mullen, sono il marchio di qualità della Band. 

In particolare Danilo definisce “geniale” il batterista Larry Mullen, perché ha saputo creare con originalità e fantasia dei groove semplici, sempre musicalmente all’avanguardia e capaci di rendere  riconoscibili molti brani degli U2.

La sua canzone preferita è “Where the street Have No Name”. Per lui un vero e proprio capolavoro, “semplice ed epica”, brano che riesce, fin dalle prime note di chitarra di “The Edge”, a farlo emozionare ogni volta.

Danilo si distingue per la sua versatilità e precisione; tutt’oggi rimane sempre attento alla ricerca del suono, all’espressione, alla freschezza tecnica, dedicandosi all’attività concertistica e alle registrazioni in studio.

Danilo Dan Carnovale

2,873 Visite totali, 3 visite odierne

#ShareThisPassion #CondividiQuestaPassione | 4UB.itShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter