U2: “LORO SONO TUTTO PER ME” (“They are everything for me”) – Intervista a Paulo Vetri

#ShareThisPassion #CondividiQuestaPassione | 4UB.itShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Foryoubrand Italia non è soltanto musica e notizie sull’universo attorno alla band irlandese, ma vuole anche essere un modo per conoscere e collaborare con i più grandi fan ed esperti del mondo degli U2.

A questo proposito ho intervistato per voi un grandissimo esperto, nonchè fan appassionato come tutti noi, della band. Una figura di spicco, non solo per la realizzazione di numerosi video musicali dedicati ai nostri beniamini di grande qualità e impatto nella resa grafica e visiva, ma soprattutto il suo nome è collegato ad un importante creazione del mondo U2 ha cui ha collaborato: la lavorazione del progetto U22.

E forse proprio per questo agli appassionati U2 il suo nome non risulterà cosí sconosciuto: sto parlando del brasiliano Paulo Vetri, che in questa intervista ci racconta la sua storia e il suo amore per la nostra band preferita.

“Quando è nato il tuo amore per gli U2? Come sei diventato un loro grande fan e grande esperto?”

“Bè, ero nel soggiorno della mia casa a San Paolo, Brasile, stavo guardando la tv e mia mamma mi disse che ci doveva essere un programma in diretta su una band della sua età, chiamata U2. Non ne avevo mai sentito parlare. Stavo per andare a letto, erano le 10:30 di sera e avevo scuola il giorno dopo, avevo 15 anni. Ma lo show del Vertigo Tour a Morumbi inizió con una brillante “City of Blinding Lights” ed ero ipnotizzato dall’assolo di The Edge! La mia bocca rimase aperta per tutto il tempo! Così, ero seduto là sul divano, guardando lo show che andava avanti, mi emozionava e imprimeva in me ogni canzone. Non mi era mai piaciuta la musica prima, ma quello show mi aveva aperto gli occhi e da lì è iniziato tutto, la notte del 20 Febbraio 2006.”

“Come crei i tuoi bellissimi video degli U2?”

“Primo, grazie per il complimento. Bè, sono sempre stato appassionato di montaggio di film, video, ecc. Quando il 360 tour degli U2 inizió, già dai primi spettacoli iniziai a fare alcuni schizzi di montaggio, molto primitivi e brutti, troppo brutti! Ma non avevo ancora realizzato dei video, giocavo solo a modificare usando ancora Windows Movie Maker 1! Ma qualcosa avevo già fatto, solo per divertimento. Quando gli U2 vennero in Brasile con il 360 tour nell’aprile 2011, finalmente realizzai il mio sogno, dopo 6 anni dalla loro conoscenza. Andai solo la prima notte, ma ero al centro e sentii la mia canzone preferita: Where The Streets Have No Name, dopo aver speso 3 giorni on line. Dopo lo show divenni pazzo a cercare qualcuno che producesse il dvd del mio show, solo per avere un ricordo ecc. Ma vedendo che nessuno l’aveva fatto, decisi di unire la mia passione per i film e per gli U2 e farlo da me. A luglio del 2011 realizzai il mio show in multicam. Era un edizione molto brutta, ma io mi sentivo felice, ci presi gusto e m’innamorai della produzione degli U2. Così decisi immediatamente di realizzare il secondo show in Brasile, del 10 Aprile (secondo la mia opinione il miglior concerto U2 di tutti i tempi). Così feci in appena un mese i multicam dei primi due concerti U2 in Brasile, entrambi piuttosto brutti comparati a quello che faccio oggi, ma lo feci per passione e divertimento, ero in vacanza a Luglio. Ma quando li pubblicai su youtube e misi il link sui social network, molti fan li amarono e mi chiesero se volevo realizzare l’ultima notte degli U2 in Brasile, il 13 Aprile 2011; lo show sarebbe stato trasmesso in radio per tutto il mondo, così l’audio non sarebbe stato un problema.  Ma non avevo più tempo da quando era iniziata la scuola e pensavo che non avrei potuto farlo. Nelle vacanze scolastiche a dicembre e gennaio decisi, non so perchè, di montare il secondo show in Messico del 14 maggio 2011. Non sapevo perchè volevo fare quello del Messico; penso forse perchè, fino a quel momento, il Cile aveva avuto il suo dvd del fansite fatto da loro e io l’avevo realizzato per il Brasile, quindi mancavano Messico e Argentina in America Latina, e così scelsi il Messico. Certamente l’edizione non fu così buona, perchè in quei giorni non sapevo ancora come filtrare i video HD da Youtube. Ma stavo ricercando dei programmi nuovi e trovai il migliore nell’edizione di Sony Vegas Pro 11: un incredibile programma di editing, penso non ce ne sia una migliore! E tutto quello ottenuto fino a quel momento, poteva così essere migliorato risolvendone i problemi, imparando di più; così realizzai tutti i video che potete trovare sul mio canale Youtube. Per l’America latina mancava solo il dvd dell’Argentina; i fan argentini mi chiesero di produrlo per loro, così lo feci. Lo spettacolo della seconda notte avveniva una settimana prima del mio show. E fino a quel giorno io sarei stato qui a fare video, per l’amore che ho per la band e per l’editing. Mai lo useró per far soldi.”

“Dove prendi l’ispirazione e le tue idee per i tuoi lavori?”

“Bè, suppongo di trovare l’ispirazione nell’amore che sento per la band, loro sono la mia vita. Inoltre sono sempre stato appassionato di cinema, così ho unito tutto e semplicemente l’idea è nata nella mia testa. Ho ancora qualche idea, ma queste sono impossibili da realizzare per la mancanza di video su youtube. Io creo video basati su ció che trovo su youtube, niente più di quello.  Cerco idee e ispirazioni nella band e provo, per quanto sia possibile, a realizzare dvd nel modo in cui penso dovrebbe essere fatto un dvd degli U2.”

“C’è una canzone su cui hai lavorato a cui sei particolarmente affezionato?”

“Sì, io lavoro molto sulla mia canzone preferita: “Where The Streets Have No Name”. Ho provato a realizzarne tutti i tipi di video: multicans, “Music through the ages”, “All in one tour”, “Finally”,… Il mio video fortemente incentrato su questa canzone è quello che ho intitolato ” U2 Where The Streets Have No Name through all 360 tour city”: in questo video volevo mostrare ogni città dove la canzone era stata suonata nel 360 tour, da Barcellona a Moncton. Questo mi ha dato veramente molto lavoro perchè ho dovuto scaricare più di 100 video HD, per mostrare ogni città…ovviamente cancellati dopo che l’ho prodotto…il mio povero computer lol.”

“Qual’è il tuo contributo nella lavorazione di U22? Puoi raccontarci qualcosa su di esso?”

“Quando l’U22 fu annunciato io immediatamente volli realizzarne il DVD. Io ho degli amici che realizzano delle cose sugli U2 e gli chiesi di poter fare una collaborazione con uno di loro, MekVox. Gli proposi di fare insieme il dvd di U22: lui avrebbe fatto metà delle canzoni e io l’altra metá. E trascorso un po’ di tempo da questa realizzazione, ognuno di noi avrebbe prodotto il proprio dvd per U22, un dvd personale. Così si sarebbero creati un totale di 3 differenti dvd su U22. Ho già fatto il mio, ma lo posteró solo dopo la pubblicazione del mio dvd con Mek, perchè è lui che sta facendo la compilation. Gli ho già spedito i miei video. Spero saranno lanciati quest’anno.”

“Fuori dal mondo U2 qual’è la storia di Paulo Vetri?”

“È davvero difficile parlare della mia vita senza parlare degli U2, loro sono ogni cosa per me. Ma prima di conoscere gli U2, non ero molto affezionato alla musica; ero molto focalizzato nella scuola, non sono mai stato una persona che usciva con gli amici, perchè, nei fatti, non ho mai avuto dei veri amici, non sono stato un buon teenager. È stato molto triste questo periodo,con molte difficoltà nella mia vita; ho perso entrambi i miei nonni italiani per il cancro. Ero molto depresso, veramente triste. Ma ho avuto l’immensa fortuna di incontrare gli U2 nel 2006, loro mi hanno aiutato quando volevo sparire da questo mondo, mi hanno aiutato a vivere, a superare ogni cosa che stavo attraversando. Li ameró sempre! Oggi sono un ragazzo che, per ragioni personali, non lavora e prende in esame l’idea alla fine dell’anno di provare a fare il college, qualcosa sui film o sulla lingua inglese, ancora non lo so. Il futuro è molto più di un mistero per me….”

“Quali sono i tuoi sogni? Hai qualche nuovo progetto da realizzare nel prossimo futuro?”

“Bé, non so come sarà il mio futuro, ma il mio più grande sogno sarebbe incontrare gli U2; non posso calcolare come sarebbe la mia felicità se accadesse. Progetti in relazione agli U2? Hmm … nessuno per adesso… Sto facendo video in ordine casuale come posso. Un nuovo album arriverà di nuovo, un nuovo tour… Vediamo se potró dirigerlo… Chi lo sa se, forse, qualche sito fan mi chiederà ufficialmente di fare il multicam del loro paese; se avró tempo lo faró, certamente!”

Love and Peace :)”

Questa è la sua storia: un racconto d’amore spassionato e ricco d’emozione di un fan per la sua band preferita.

Grazie Paulo da tutti noi! Continua così!

© Copyright by 4UB.IT.   Tutti i diritti riservati. All Rights Reserved.

1,268 Visite totali, 1 visite odierne

#ShareThisPassion #CondividiQuestaPassione | 4UB.itShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter